Dal 2004 specialista nella vendita di batterie e accessori Italia

Adaptive Sound in arrivo per Google Pixel 5: perché sarà utile e come funzionerà

C’è una funzione davvero carina e comoda in arrivo per Google Pixel 5 e a svelarlo è un’analisi, un teardown vero e proprio, dell’ultima versione dell’applicazione Device Personalization Services, componente che si occupa, da anni, di aggiungere cose nuove nel software dei Pixel.

Adaptive Sound in arrivo per Google Pixel 5

La funzione in questione, che va sotto il nome di Adaptive Sound e che immaginiamo in italiano sarà Suono Adattivo (o qualche cosa del genere), una volta attività, sarà capace di migliorare la qualità audio degli altoparlanti, che sono due, del Google Pixel 5 adattandola all’ambiente circostante.

Per farla breve, essa “ascolterà” l’ambiente nei dintorni utilizzando i microfoni e regolerà automaticamente il volume e altri parametri audio (come se fosse un equalizzatore avanzato) del Google Pixel 5 in modo tale da offrire un suono dagli altoparlanti ottimale in ogni tipo di situazione (salotto, cucina, bagno e così via).

Non sappiamo quando sarà aggiunta, ma considerando che è già pronta e completa di tutto azzardiamo, con abbastanza sicurezza, che sarà resa disponibile per Google Pixel 5 con il quarto feature drop dell’anno, che sarà rilasciato lunedì 7 dicembre 2020. Che ne dite, sarà utile averla?

Guarda Tutto>>

Asus ZenBook Flip S (UX371) arriva in Italia: Intel EVO e schermo OLED 4K

Abbiamo già avuto modo di provarlo in anteprima, ma l'Asus ZenBook Flip S (UX371) è finalmente disponibile all'acquisto, sul sito ufficiale Asus e prossimamente su Amazon al prezzo di 1599 euro con Asus Pen in dotazione che supporta 4096 livelli di pressione, oltre a due adattatori, uno da USB-A a RJ45 e uno da USB-C to audio jack.

ZenBook Flip S (UX371) è un portatile convertibile con touchscreen OLED 4K da 13,3 pollici certificato PANTONE, una copertura del gamut DCI-P3 del 100%, certificazione VESA DisplayHDR 500 True Black per il contrasto e TÜV Rheinland per la protezione degli occhi.

Si tratta di uno dei primi portatili certificati Intel Evo, un sinonimo di prestazioni elevate, reattività, autonomia e trasportabilità (pesa 1,2 kg ed è spesso 13,9 mm). Come avrete capito, è un notebook basato su piattaforma Tiger Lake, più precisamente sui processori Intel Core i7 di 11a generazione con grafica integrata Intel Iris Xe, combinata a 16 GB di RAM e un SSD M.2 PCIe 3.0 x4 fino a 1 TB.

ZenBook Flip S si contraddistingue per il design premium, figlio della "finitura Jade Black" con inserti con taglio a diamante a contrasto in color rame e una barra decorativa in alluminio spazzolato. La cerniera ErgoLift a 360° consente di usare il prodotto in qualsiasi angolatura: in modalità classica da portatile, completamente piegato a tablet o in qualsiasi via di mezzo come in modalità stand o a tenda. ZenBook Flip S dispone inoltre di NumberPad 2.0, ossia il touchpad che diventa alla bisogna tastierino numerico, lasciando così spazio a una tastiera estesa.

Il prodotto di Asus ha un insieme di porte completo, tra cui una HDMI full-size, due Thunderbolt 4 USB-C e una USB 3.2 Gen 1 Type-A. Non mancano la connettività Wi-Fi 6 (802.11ax) con Bluetooth 5.0, una webcam a infrarossi per l'autenticazione con Windows Hello, così come un sistema di microfoni con cancellazione del rumore e due speaker certificati Harman Kardon.

La batteria (67 Wh) consente un'autonomia che Asus indica in 10 ore circa, valore che nei nostri test si è confermato solo nella visione di contenuti su Netflix. Il portatile è dotato di tecnologia di ricarica rapida, in modo da riottenere il 60% di autonomia in meno di un'ora.

Guarda Tutto>>

Windows 10 20H2, Microsoft corregge il grave bug sugli aggiornamenti in-place

Microsoft ha rilasciato un nuovo aggiornamento cumulativo per Windows 10 20H2 che corregge un bug che impedisce di eseguire gli aggiornamenti cosiddetti "in-place" attraverso il Media Creation Tool (MCT). Ne avevamo parlato in precedenza, spiegando che gli aggiornamenti in-place sono quelli che avvengono scaricando i file dai server Microsoft senza eliminare app o file esistenti.

Con il rilascio di Windows 10 20H2, gli utenti che hanno tentato di eseguire un aggiornamento con Media Creation Tool hanno scoperto loro malgrado che non era possibile selezionare le voci per conservare le proprie app o file. Di contro, l'unica opzione selezionabile prevedeva in maniera inspiegabile l'eliminazione di tutti i file presenti sul sistema, senza proporre alternative. Il tutto per via di un bug inatteso, e non di una scelta ben precisa da parte di Microsoft.

Nelle scorse ore Microsoft ha rilasciato l'anteprima dell'aggiornamento cumulativo KB4586853 di Windows 10, che include fra le diverse presenti anche la correzione del problema. Si tratta di un update cumulativo opzionale, quindi deve essere installato manualmente dall'utente attraverso Windows Update. Dopo aver installato l'aggiornamento sarà finalmente possibile selezionare le opzioni per conservare app e file personali, o solo i file, attraverso il MCT.

In qualità di aggiornamento cumulativo opzionale, il fix verrà installato automaticamente il prossimo 8 dicembre all'interno del Patch Tuesday. L'utente può, però, come detto poco sopra, aggiornare manualmente già adesso forzandone l'installazione via Windows Update.

Guarda Tutto>>

iPhone 12 in profondità, quanto resiste all’acqua?

Apple afferma che gli iPhone 12 sono in grado di resistere in acqua fino a 6 metri e per un massimo di 30 minuti. CNET ha eseguito un test estremo per scoprire fin dove può arrivare il nuovo iPhone.

CNET ha raggiunto il Lago Tahoe e ha posizionato l’iPhone sulla parte frontale di un drone subacqueo, così da scoprire la reale resistenza del dispositivo all’acqua.

Dopo 30 minuti a 6 metri di profondità e 11 gradi Celsius, l’iPhone 12 continuava a funzionare senza problemi, anche se lo speaker ha iniziato a suonare in modo ovattato rispetto a prima. Touchscree e fotocamera hanno continuato a funzionare perfettamente.

Il secondo test si è spinto oltre: 20 metri a 10 gradi Celsius. Anche in questo caso, l’iPhone funzionava correttamente, fotocamere e tasti compresi.

Dopo circa 72 dal test, sulle fotocamere posteriori e anteriori è comparso un piccolo appannamento, segno che un po’ di acqua è entrata nel dispositivo. Dopo qualche ora, l’iPhone ha iniziatmo a mostrare un prompt di diagnostica sullo schermo, senza possibilità di uscire da questa modalità.

Il test ha confermato che l’iPhone 12 può resistere anche ad elevate profondità e che soddisfa senza dubbio lo standard IP68. Ovviamente, come qualsiasi dispositivo elettronico, ci sono dei limiti alla quantità di acqua che può sopportare.

Guarda Tutto>>

TicWatch Pro 3, ufficiale la variante LTE con modulo eSIM integrato

Mobvoi ha annunciato la variante LTE di TicWatch Pro 3, confermando di fatto le indiscrezioni trapelate a metà ottobre con il passaggio del dispositivo sulla Google Play Console.

Tutto come da programma: il nuovo orologio si distingue dalla versione con sola connettività Bluetooth lanciata lo scorso settembre per la presenza di un modulo eSIM integrato che consentirà ai futuri proprietari di ricevere chiamate e navigare in internet indipendentemente dalla connessione con lo smartwatch.

Per il resto i due modelli sono esattamente identici - c'è solo una trascurabile differenza di peso (42,3 grammi della versione LTE contro i 41,9 grammi di quella GPS). La scheda tecnica di TicWatch Pro 3 LTE include quindi il Qualcomm Snapdragon Wear 4100 annunciato a fine giugno, un display Retina AMOLED da 1,4" con risoluzione 454x454 pixel, 1GB di memoria RAM e 8GB di storage interno. Non manca poi la possibilità di effettuare pagamenti tramite connettività NFC e Google Pay, monitoraggio della frequenza cardiaca PPG, resistenza ad acqua e polvere grazie alla certificazione IP68 e sistema operativo WearOS.

TicWatch Pro 3 LTE sarà disponibile nel Regno Unito, in Spagna e in Germania ad un prezzo di 359,99 euro. La connettività cellulare sarà limitati ai soli clienti Vodafone con servizio OneNumber attivo. Al momento la società non ha fornito alcuna indicazione sulla commercializzazione in Italia.

Guarda Tutto>>